CORSAIR K68 RGB - Recensione

Una meccanica brillante per l'uso più spensierato.

CORSAIR K68 RGB - Recensione
di NextHardware

Essere pronti ad ogni sfida è parte dell'essere un gamer e CORSAIR, che vanta molta esperienza nella creazione delle più moderne periferiche, comprende bene tutto ciò e non manca mai di proporre nuove soluzioni per affrontare la prossima battaglia.

Solitamente questo si traduce in nuove varianti di microswitch o futuristici sistemi di illuminazione a LED per quanto riguarda le tastiere, ma ci sono molti altri dettagli, magari marginali rispetto alle pure prestazioni, che possono essere innovati in modo da impattare, come in questo caso, sull'uso di ogni giorno.

Unendo prestazioni concrete ad un elevato grado di protezione contro gli agenti esterni, la CORSAIR K68 RGB, protagonista della nostra odierna recensione, è una tastiera meccanica basata sugli switch CHERRY MX che mette sul piatto tutto quello a cui siamo normalmente abituati, meno la preoccupazione di danneggiare l'amata periferica appena acquistata per colpa del liquido di una lattina versato accidentalmente, grazie alla certificazione IP32.

Pur non essendo completamente a prova di getti d'acqua o immersioni (per quelli ci vorrebbe una certificazione IPx5 o superiore), la nuova meccanica offre una sicurezza maggiore rispetto alle dirette concorrenti.

Gli originali switch CHERRY MX RGB di fabbricazione tedesca, con contatti placcati in oro, sono affidabili e resistenti anche dopo svariate ore di gioco e, grazie al sistema di illuminazione per-key integrato, i LED possono essere personalizzati uno ad uno tramite il software CORSAIR Utility Engine (CUE) 2.0 che consente, ovviamente, anche di gestire tutti gli effetti presenti e una miriade di impostazioni di gioco.

Come tutti i modelli di fascia alta, anche la K68 prevede una matrice con funzionalità anti-ghosting al 100% ed una frequenza di aggiornamento di 1000Hz (1ms) per garantire rapidità e precisione durante le sessioni di gioco.

Il design, rimasto pressoché invariato rispetto alla K70, vede nella parte superiore destra la presenza di tasti multimediali per la regolazione dell'audio e la gestione delle tracce senza interrompere il gioco, il tasto per disabilitare le scorciatoie di Windows e quello per la gestione del sistema di illuminazione.

Presente, infine, un poggiapolsi removibile con finitura in gomma, apparentemente simile a quello usato dalle recenti STRAFE RGB, che potrebbe tornare decisamente utile in caso di scrittura o produttività.

Dopo la nostra analisi …

La CORSAIR K68 RGB è la prima tastiera meccanica a sottolineare il concetto di resistenza ai liquidi nel mercato dedicato a noi giocatori ed abbiamo accolto questa novità come un concreto passo in avanti in termini di qualità reale.

Si parla spesso di tastiere meccaniche come della scelta definitiva proprio per le loro elevate prestazioni e la stabilità delle stesse nel tempo, assicurate dalle ormai note "50 milioni di pressioni" degli switch CHERRY MX, quindi perché non assicurarsi che anche tutto il resto sia all'altezza di una durata media così elevata?

CORSAIR ci offre esattamente questo con un espediente intelligente e semplice, migliorando quella che è la propria fascia media, un po' per sondare il terreno, un po' per altre ragioni ma, soprattutto, per confezionare un prodotto perfetto per i Game Cafe e i Club a tema, punti di ritrovo "fisici" che ultimamente, e fortunatamente, spuntano come funghi anche nel nostro paese.

Alcuni giocatori considerano il proprio setup il "tempio" da non violare con patatine e bibite, e difficilmente sentiranno il bisogno di tutto ciò, ma altrove non si potrà che guardare con interesse alla nuova K68 RGB non essendo il caso di mettere alla prova il destino: la classe IP32 si traduce in una protezione da versamenti quasi verticali e praticamente nulla dalla polvere (la classe IP 5x e 6x sarebbe impossibile per via del design dello switch CHERRY, naturalmente sensibile al particolato fine), perciò rimane sempre consigliabile usare la massima cura.

La certificazione IP32 rappresenta un ottimo valore aggiunto, anche perché in caso si verifichi il colpo di sfiga più ricorrente, ovvero proprio il versamento di una lattina o bicchiere sulla scrivania, la CORSAIR K68 RGB mantiene al sicuro la propria elettronica da ogni pericolo!

Un altro punto a favore della K68 RGB è il prezzo: a circa 140€ sostituisce la STRAFE (prima serie) con la resistenza ai liquidi, una costruzione in plastica di pari solidità, l'irrinunciabile sistema di illuminazione RGB profondamente gestibile, la compatibilità con ogni altra periferica CORSAIR già esistente e, soprattutto, aggiungendo quei tasti multimediali dedicati incredibilmente assenti prima.

Il miglioramento è su tutta la linea e per quanto la K68 RGB rimanga comunque una soluzione mainstream fra le meccaniche, caratteristiche uniche come la resistenza IP32 e il software CUE la pongono in una posizione davvero interessante.

La recensione completa è disponibile su Nexthardware.