Pirateria per 38% di chi ascolta musica

Pirateria per 38% di chi ascolta musica
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 11 OTT - Nonostante siamo nell'era di Spotify, che compie proprio in questi giorni dieci anni, la pirateria musicale è ancora un problema diffuso, con più di un terzo di chi ascolta musica digitale che ricorre a metodi illegali. Lo afferma un rapporto della International Federation of the Phonographic Industry, secondo cui il fenomeno riguarda il 38% degli utilizzatori. La forma più comune di violazione del copyright è il cosidetto 'stream-ripping' (32%), cioè l'utilizzo di semplici software online per registrare l'audio di video come quelli di YouTube. Al secondo posto c'è il 'vecchio' peer to peer, quello che fece la fortuna di Napster, usato dal 23% di chi infrange la legge, mentre al terzo c'è l'acquisizione di file trovati attraverso i motori di ricerca. La motivazione principale per l'uso illegale è 'poter ascoltare le canzoni offline senza pagare i servizi premium'.