Come mostrare i limiti di velocità su Google Maps

E ricevere le segnalazioni degli autovelox

mostrare limiti velocita google maps
TiscaliNews

Google Maps è indubbiamente la app di navigazione satellitare più usata da chi possiede uno smartphone. Motivi? E' gratuita e proviene dal motore di ricerca più famoso del mondo, ed è generalmente piuttosto affidabile.

Un grosso limite che si trascina da anni, però, è la mancanza di un indicatore della velocità alla quale stiamo viaggiando in auto e dei relativi limiti stabiliti dalle autorità. Ed eventualmente, di qualcosa che segnali la presenza di autovelox e radar.

Vuoi navigare senza limiti a 1 Gigabit con la vera fibra ottica? Clicca qui per verificare se la tua zona è coperta e per scoprire l'incredibile tariffa di Tiscali UltraFibra Giga!

A questa carenza suppliscono due app. La prima è Velociraptor, che visualizza sia la velocità attuale del veicolo che i limiti in vigore in un tratto stradale.  E' una piccola finestra fluttuante che si sovrappone automaticamente quando si esegue Google Maps, ed è spostabile nel punto dello schermo in cui, secondo le proprie abitudini, disturba meno.

La app, gratuita, prende i dati relativi ai limiti di velocità da fonti come il progetto OpenStreetMap (gratuiti), e dalle mappe di TomTom e HERE (mediante abbonamento). Quando viene abilitata è in grado di avvisare quando il limite di velocità della strada che si sta attraversando viene superato.

I permessi richiesti sono simili a quelli di Google Maps, e sono relativi ai servizi di localizzazione e accessibilità. Dopo averlo provato con OpenStreetMap ci siamo resi conto che spesso i limiti non compaiono (al loro posto ci sono solo due lineette) anche in aree fortemente urbanizzate. Un limite superabile, come già detto, sottoscrivendo mappe a pagamento.

Se si vuole avere una segnalazione in tempo reale di autovelox fissi e mobili si può installare, affiancandola a Velociraptor, un'altra app: RadarDroid Lite, che avvisa della presenza di autovelox grazie a un database costantemente aggiornato dal sito-community www.poigps.com

Un'ottima alternativa alla combinazione Velociraptor + RadarDroid Lite la offre TomTom, il celeberrimo produttore di navigatori satellitari per auto e moto.

Sul Play Store di Google è disponibile la app gratuita TomTom Autovelox, che permette di rilevare sia autovelox fissi che mobili (grazie al supporto di una community), e si può usare sia da sola che "sovrapposta" a Google Maps.

Chi non volesse "sovrapporre" app a Google Maps può ricorrere alla famosissima Waze (acquistata qualche anno fa da Google e, secondo alcuni critici, peggiorata da quando è finita nelle mani di Big G...): avvisi in tempo reale sul traffico, informazioni direttamente dagli utenti e limiti di velocità già incorporati.

Per quanto riguarda l'affidabilità dell'una e dell'altra non risulta che provarle entrambe su percorsi che già si conoscono: alcuni preferiscono Waze, altri continuano ad affidarsi a Google Maps. Il nostro consiglio è più che altro quello di non affidarsi ciecamente a queste app per quanto riguarda le segnalazioni degli autovelox, ci sono stati alcuni casi in cui degli utenti si siano lamentati di non aver ricevuto alcun avviso su autovelox perfettamente visibili.