A Nuoro a scuola di open data con studenti, cittadini e imprese

Il prossimo 10 novembre studenti, imprese e cittadini del capoluogo barbaricino parteciperanno ad una giornata di attività interamente dedicata alla diffusione della cultura degli open data come opportunità di creazione di valore sociale connesso al loro riuso.

Se il cittadino conoscesse l'origine di ogni informazione prodotta da una pubblica amministrazione, potendo essere in grado di analizzarla, dato per dato, e non solo in quel pdf stortino pubblicato “solo per obbligo” sul sito istituzionale in “Amministrazione trasparente”, allora sarebbe persino in grado di verificarne più consapevolmente l'opportunità e la provenienza.

Lo stesso cittadino, potendo riutilizzare quei dati esposti in formato aperto, potrebbe "partecipare" per migliorare la qualità di decisioni prese sulla loro base che, anche se già maturate, potranno essere più condivise in futuro perché arricchite dal suo feedback.

Già perché i cittadini, leggendo quei dati, magari restituiranno una lettura diversa frutto di una diversa analisi; in questo modo si potrebbe controllare più efficacemente l'azione pubblica stessa, riuscendo a co-costruire azioni più partecipate partendo proprio dalla conoscenza di quei dati ri-letti e ri-elaborati in maniera differente.

Tutto questo per dire che quando le pubbliche amministrazioni danno la possibilità ai cittadini di accedere non solo alle "informazioni" ma al patrimonio dei dati pubblici origine di quelle informazioni e decisioni, da una parte generano trasparenza in tutti i procedimenti amministrativi e di tutte le spese di un governo, dall’altra ricevono in cambio la fiducia dei cittadini.

Nelle realtà in cui la dottrina dei "dati aperti", perché di questo stiamo parlando, è stata introdotta efficacemente, la comunità̀ risponde con enorme entusiasmo al rilascio di quei "dati", producendo attraverso la lettura di essi applicazioni socialmente utili che generano nuovi servizi o ulteriori nuove applicazioni e chiedendo al tempo stesso la liberazione di un numero sempre maggiore di "dati" con la finalità di generare nuove "informazioni". Si crea così̀ un circolo virtuoso che coinvolge lo Stato, i cittadini, le imprese e infine l’Amministrazione Pubblica stessa.

Proprio poiché ancora oggi, per una larga fetta di enti pubblici la rendicontazione sociale (il termine giusto è accountability) rappresenta una mera formalità di fine mandato ed espressioni quali open government e open data restano ancora sulla carta, la Regione Sardegna sta provando ad invertire la tendenza e lo sta facendo concretamente attraverso l’apertura del proprio patrimonio informativo pubblico la cui fruibilità è già a portata di click sul portale http://opendata.regione.sardegna.it/

È necessario però far aumentare l’attenzione e la cultura sui dati aperti e per questo la prima e più̀ importante attività̀ è la formazione dei cittadinidegli amministratoridegli studenti, attraverso la diffusione dal basso delle metodologie e delle potenzialità̀ legate al processo di pubblicazione dei “raw” data, dei dati in formato aperto.

Sono queste le finalità del seminario promosso dalla Direzione generale degli affari generali e della società dell'informazione della Regione Autonoma della Sardegna e organizzato da Formez PA in collaborazione con il Comune di Nuoro e la sede Europe Direct del Comune di Nuoro, nell’ambito del progetto “OpenRAS – dati aperti per la trasparenza e l’accountability”.

La giornata prevede una parte laboratoriale riservata agli studenti e un momento seminariale aperto al territorio che vedrà la presenza di esponenti locali e nazionali del mondo open data e dell’innovazione in genere.

Per leggere il programma completo e partecipare (potendo avere poi un attestato di partecipazione) occorre iscriversi al più presto dal seguente link: http://eventipa.formez.it/node/113896

Il seminario rientra tra le attività del progetto "OpenRAS: dati aperti per la trasparenza e l’accountability” -  Programma Operativo Regionale FSE 2014-2020 (Decisione C 2014 N° 10096 del 17/12/2014), Asse 4 – Capacità istituzionale e amministrativa, azione 11.1.1 “Interventi mirati allo sviluppo delle competenze per assicurare qualità, accessibilità, fruibilità, rilascio, riutilizzabilità dei dati pubblici”.