Thermaltake Core P90 Tempered Glass - Recensione

Un Open Frame di qualità con un design estremo ed un grado di personalizzazione decisamente elevato.

Thermaltake Core P90 Tempered Glass - Recensione
di NextHardware

Dopo aver recensito molti case Thermaltake dotati di una struttura di stampo classico, siamo oggi ad analizzare finalmente una delle sue soluzioni "Open Frame", ovvero il Core P90 Tempered Glass.

Come tutti gli appartenenti alla serie "Core P", anche il nuovo arrivato è stato progettato in modo tale da poter montare tutti i componenti principali sulle facciate esterne al telaio, delegando la protezione di quest'ultimi a delle semplici ma robuste parti in vetro.

A differenza degli altri modelli appartenenti alla stessa famiglia, però, la struttura del Core P90 non è lineare, ma è trapezoidale con base a "triangolo rettangolo".

I cateti di tale triangolo, ovvero i lati corti, sono dotati di supporti per l'installazione dei componenti hardware e sono protetti da pannelli in vetro temperato spessi 5mm.

Il lato sinistro è in grado di ospitare una scheda madre in formato ATX o inferiore, schede video lunghe 320mm installabili anche parallelamente alla mainboard ed un alimentatore ATX da 220mm.

Il lato destro è invece adibito al raffreddamento, data la predisposizione per quattro ventole da 120mm o tre da 140mm con relativo radiatore da 480 o 420mm, e al montaggio di tre drive da 2,5" più, eventualmente, altri due da 3,5" o 2,5" con supporti da montare al posto delle ventole.

Nonostante ciò, la parte interna del case non resterà inutilizzata, in quanto, oltre a poter contenere tutti i cavi in eccesso, potrà accogliere ulteriori due drive da 3,5" o 2,5".

L'intera struttura in acciaio e vetro, con dimensioni di 470x470x615mm (PxLxA) ed un peso di ben 17,2kg, è stata inoltre studiata per essere posizionata in verticale, tramite due supporti in plastica, appesa ad un muro o anche adagiata sul retro, utilizzando quattro piedini gommati in dotazione, come se fosse un banchetto per test.

Segnaliamo, infine, che il Core P90 TG è uno dei pochi case ad essere commercializzato con in bundle una Riser Card PCI-E 3.0 TT Gaming.

Dopo la nostra analisi …

Nonostante si tratti di un prodotto insolito, siamo rimasti piacevolmente colpiti dal nuovo Thermaltake Core P90 Tempered Glass perché è in grado di stravolgere il concetto di PC Desktop permettendo all'utente smaliziato, e con un minimo di gusto, di mettere a punto una configurazione unica da poter esporre anche nel salotto di casa.

I materiali utilizzati, ovvero acciaio e vetro temperato, sono di ottima qualità e, seppur semplici nelle forme, sono lavorati alla perfezione per poter contenere, in modo efficace, i componenti hardware più appariscenti.

La verniciatura sul telaio principale è in alcune zone imprecisa, ma stiamo parlando di punti difficilmente raggiungibili con lo sguardo e, sicuramente, impercettibili a sistema assemblato.

L'idea di base, scaturita dagli altri Open Frame della famiglia di appartenenza, è molto interessante e permette di avere un gran numero di alternative; da non sottovalutare è quella da noi accennata, con la possibilità di fissare un monitor sul retro, che garantirebbe un effetto sbalorditivo nel caso in cui si disponesse di una scrivania posizionata al centro della stanza.

La parte interna del corpo centrale è, purtroppo, poco sfruttata, in quanto il suo compito è esclusivamente quello di contenere i cavi in eccesso e, all'occorrenza, due drive, ma siamo sicuri che i più smanettoni sapranno farne buon uso con sistemi di raffreddamento a liquido custom.

Nonostante la sua esclusività, il Thermaltake Core P90 Tempered Glass, con un prezzo di circa 200€, è una valida alternativa da tenere in considerazione per tutti coloro che sono alla ricerca di un prodotto unico con cui mettere in risalto il proprio setup gaming

L'unica raccomandazione che possiamo dare a riguardo, è di posizionarlo in un ambiente molto pulito, alla larga dalla polvere, altrimenti le operazioni di manutenzione, alla lunga, potrebbero risultare piuttosto snervanti.

La recensione completa è disponibile su Nexthardware.