Seasonic PRIME Ultra 850 Titanium - Recensione

Maggiore silenziosità, più accessori e solita indiscutibile qualità per i nuovi alimentatori premium.

Seasonic PRIME Ultra 850 Titanium - Recensione
di NextHardware

La serie PRIME ha portato nel corso dello scorso anno una ventata di aria fresca nel catalogo di Seasonic; i nuovi modelli, non a caso, hanno fin da subito riscosso un forte gradimento sia da parte della stampa che degli utenti, tanto da aver ricevuto l'European Hardware Award 2017 per la miglior serie di alimentatori con certificazione 80Plus Titanium.

La grande offerta, sia per l'ampia gamma di potenze che per le certificazioni energetiche, ha coperto efficacemente tutte le possibili richieste del mercato e nessuno si sarebbe aspettato, dopo poco più di un anno, un aggiornamento dell'intera linea, ma Seasonic ci ha sorpreso con i nuovi modelli PRIME Ultra!

Niente paura, comunque, per chi ha già acquistato un modello della "vecchia" serie, dai dati rilasciati dal produttore e da quelli ottenuti nel corso dei nostri test possiamo confermarvi che le prestazioni sono rimaste praticamente inalterate, così come le finiture, la modalità ibrida fanless o l'incredibile garanzia estesa a ben 12 anni: i punti su cui concretamente si è riscontrato un aggiornamento riguardano essenzialmente il comfort acustico e gli accessori in dotazione.

Lasciando ulteriori dettagli alle prossime pagine, vi anticipiamo che è stato modificato il cablaggio, con una maggiore diversificazione delle lunghezze e dei connettori come, ad esempio, quelli SATA (disposti a 180° per agevolarne l'inserimento negli spazi angusti) e sono stati poi rimossi i condensatori sui cavi per migliorarne la flessibilità.

La ventola FDB (Fluid Dynamic Bearing) da 135mm è ora più silenziosa, anche grazie alla drastica riduzione del regime massimo di rotazione.

Tra i nuovi accessori segnaliamo, infine, la presenza del connettore ATX per avviare l'alimentatore senza doverlo collegare alla scheda madre e l'adattatore SATA 3.3 compatibile con le ultime tecnologie integrate nei nuovi dispositivi di storage.

Per l'occasione ci è stato affidato quello che, con tutta probabilità, sarà il modello più gettonato (fatta eccezione per i miners), ovvero il PRIME Ultra 850 Titanium, che ha tutte le carte in regola per entrare di diritto in buona parte delle postazioni di fascia alta.

Veniamo al dunque …

Dobbiamo confessarvi che la notizia di un restyling della serie PRIME ci ha lasciati piuttosto perplessi; dopo aver toccato con mano gran parte dei modelli proposti non pensavamo ci fosse un margine di miglioramento tale da portare al rilascio di nuove versioni, eppure Seasonic ci ha provato.

Dai primi dati sulle caratteristiche si è appreso che le modifiche apportate hanno interessato poco il comparto elettrico, mentre il bundle ed il comfort acustico hanno ricevuto maggiori benefici.

Nello specifico il cablaggio è stato maggiormente diversificato con l'introduzione dei connettori SATA a 180°, la componentistica è stata ulteriormente migliorata consentendo, tra l'altro, la rimozione dei condensatori sui cavi, la ventola FDB da 135mm è ora più silenziosa, sono stati aggiunti due accessori, ovvero il tester per avviare l'alimentatore prima del montaggio e l'adattatore SATA 3.3 per supportare le funzioni PWDIS ed i drive SMR, la garanzia è stata estesa a 12 anni, i tagli da 750, 650 e 550 watt hanno ora una lunghezza di soli 140mm.

Come avrete intuito, per chi ha già un modello della serie PRIME non ci sarà nulla su cui rimuginare, mentre chi si accinge all'acquisto di un nuovo alimentatore avrà cinque motivi in più per preferire un modello della nuova serie PRIME Ultra.

Tornando alla nostra analisi, possiamo confermare che le performance del PRIME Ultra 850 Titanium non si sono discostate molto da quelle osservate con l'analogo modello della precedente versione.

L'efficienza arrivata al 96% è stata confermata anche dai nostri test, oltre che ovviamente dalla certificazione 80Plus Titanium e dalla nuova agenzia Cybenetics che ha conferito alla serie Titanium il riconoscimento ETA A.

Le prestazioni elettriche non mostrano significative differenze rispetto al modello PRIME 850 Titanium provato un anno fa, fatta eccezione per il ripple che, nel modello in prova, è risultato leggermente superiore; si tratta comunque di una differenza decisamente contenuta e presumibilmente dovuta proprio all'eliminazione dei condensatori dai cavi.

Concludiamo con il prezzo di vendita che per il Seasonic PRIME Ultra 850 Titanium ammonta a circa 270€ IVA inclusa, una cifra non propriamente contenuta, ma tutto sommato giustificata dalla elevata qualità costruttiva e dalla estesa garanzia.

La recensione completa è disponibile su Nexthardware.