Phanteks Eclipse P400 Tempered Glass Edition - Recensione

Qualità a tutto tondo ed un prezzo davvero competitivo per un case che non teme confronti nella fascia entry level.

Phanteks Eclipse P400 Tempered Glass Edition - Recensione
di CreoInteractive

Con l'avvento del vetro temperato in alternativa al plexiglas, molti produttori hanno riproposto i propri case con nuovi pannelli laterali abbinandoli, in alcuni casi, ad altre piccole modifiche in grado di migliorare la resa estetica del prodotto.

Phanteks, azienda molto vivace che festeggia il suo primo decennio di attività proprio in questo periodo, non si è lasciata sfuggire questa occasione e ha aggiornato prontamente i vari Enthoo PRO M, Evolv ATX, MATX e Luxe, riservando lo stesso trattamento anche ai case entry level della serie Eclipse con i P400 e P400S Tempered Glass.

In aggiunta al pannello in vetro temperato, per restare al passo con le tendenze del mercato, il P400 e il P400S, ovvero la versione insonorizzata, sono ora provvisti di una striscia LED RGB interfacciabile con i sistemi ASUS AURA Sync e MSI Mystic Light Sync, oppure con il controller in dotazione che gestirà anche l'illuminazione a LED situata nella parte bassa del frontale.

A fronte di un leggero (ma impattante) cambio di look, l'interno dei P400 Tempered Glass resta pressoché identico a quello delle versioni standard permettendo l'installazione di schede madri sino al formato ATX, schede video con lunghezza massima di 395mm, dissipatori ad aria per CPU da 160mm, alimentatori da 270mm e, lato storage, di due drive da 3,5" e due da 2,5".

Molto buona anche la predisposizione per ventole, con la possibilità di montarne tre da 120 (una inclusa) o due da 140mm sul frontale, due da 120 o 140mm sul top e una da 120mm sul retro (inclusa).

I P400 Tempered sono inoltre commercializzati in molteplici colorazioni che spaziano dalle versioni classiche monocromatiche (grigio, bianco e nero) alle Special Edition contraddistinte dall'abbinamento di due colori (bianco e nero o rosso e nero).

Dopo la nostra analisi …

Pur essendo questa la nostra prima recensione su un case targato Phanteks, eravamo certi di avere a che fare con un'azienda che sapesse il fatto suo, ma non ci saremmo mai aspettati un prodotto eccezionale sotto tutti i punti di vista che appartenesse alla fascia entry level.

Caratterizzato da linee semplici e nel contempo d'impatto, realizzato a regola d'arte e privo di imperfezioni grazie all'utilizzo di materiali di ottima qualità, il nuovo Eclipse P400 Tempered Glass Edition è in grado di accontentare una vasta fascia di utenza appassionata al gaming e al modding.

La paratia in vetro temperato, elemento distintivo della versione da noi analizzata, non ha nulla da invidiare a quella utilizzata da modelli ben più blasonati e, in virtù del suo elevato spessore, risulta essere particolarmente resistente.

L'ottimo telaio, poi, anch'esso improntato alla semplicità e, quindi privo di fronzoli, è capace di contenere, come abbiamo visto durante l'installazione dei componenti, anche una mainboard in formato E-ATX ed un sistema di raffreddamento a liquido custom di alto livello diverso dall'AiO da noi utilizzato.

Se non avessimo premesso che si tratta di un prodotto entry level, verrebbe subito da pensare ad un prezzo non proprio popolare e invece ecco che Phanteks fa scacco matto proponendo il P400 Tempered Glass a circa 129€, un vero affare per tutti coloro che sono alla ricerca di un case versatile, esteticamente appagante e già dotato di un sistema di illuminazione a LED RGB sia esterno che interno.

Come se ciò non bastasse, per qualche euro in più è disponibile il P400S Tempered Glass che, in aggiunta, è parzialmente insonorizzato e dispone di un controller HUB per le ventole.

La recensione completa è disponibile su Nexthardware.