Cooler Master MasterCase Maker 5t - Recensione

Particolari rosso fuoco, vetro e accessori a profusione per uno chassis di altissimo livello a chiara vocazione gaming.

Cooler Master MasterCase Maker 5t - Recensione
di CreoInteractive

La linea MasterCase di Cooler Master, inaugurata lo scorso anno con l'innovativo MasterCase 5, è attualmente una delle più interessanti e gettonate sul mercato.

Il successo di questi prodotti risiede nel "MasterConcept", l'idea alla base di tutte le nuove creazioni dell'azienda taiwanese che stravolge il concetto di modularità elevandolo all'ennesima potenza, consentendo al cliente di rivoluzionare il case e personalizzarlo in base alle proprie esigenze e al proprio gusto estetico.

Il sistema proprietario FreeForm offre infatti un elevato numero di opzioni come la sostituzione dei pannelli, delle scocche, la completa gestione dei cestelli e della disposizione dei componenti interni per una flessibilità di utilizzo senza precedenti.

Questa fortunata serie di case ha trovato la sua massima espressione nel modello Maker 5, un eccellente Mid Tower modulare frutto di anni di lavoro in cui nulla è stato lasciato al caso.

Ma a seguito dei numerosi feedback ricevuti dagli utenti, l'azienda ha deciso, a quasi sei mesi dal rilascio di quest'ultimo, di lanciare un nuovo Maker 5 ancora più aggressivo ed accessoriato, leggermente rivisto sia nel design che nelle caratteristiche.

Nasce così il MasterCase Maker 5t (turbo) che accoglie un inedito top in plastica più alto del precedente, dotato di una pratica maniglia per il trasporto ed una griglia d'aerazione rosso acceso.

La fiammante colorazione coinvolge anche la parte alta del frontale, le staffe d'appoggio, il piatto della scheda madre ed il piano divisorio della zona alimentatore.

Come se non bastasse, il case oggi in recensione, oltre a riproporre le quattro porte USB (questa volta tutte 3.0), un controller per la velocità delle ventole ed un pulsante per la gestione dei LED presenti anche sulla versione "liscia", è commercializzato con entrambi i pannelli laterali in vetro temperato e il "GPU Holder", un comodo supporto per schede video in grado di sostenerle ed evitare che il PCB si pieghi sotto il peso del loro sistema di dissipazione.

Dopo la nostra analisi …

Ormai abituati alla qualità della gamma MasterCase, sin dal suo annuncio non abbiamo avuto il minimo dubbio sulla buona riuscita del Maker 5t.

Come per tutti i precedenti modelli, Cooler Master ha svolto un lavoro impeccabile per quanto concerne il design, reso ancora più accattivante dall'introduzione di un top completamente ridisegnato e da un interno con finiture in un'inedita colorazione rosso fuoco.

Il telaio, così come l'organizzazione dello spazio interno, è rimasto sostanzialmente invariato rispetto ai modelli che lo hanno preceduto, consentendo all'utente, grazie al sistema proprietario FreeForm, di dare libero sfogo alle proprie idee.

L'aggiunta di una coppia di pannelli laterali in vetro temperato, dotati di serratura a cilindro, innalza ulteriormente la qualità e l'appeal di questo chassis, già estremamente curato in ogni sua minima parte.

Rispetto al Maker 5 è stato eliminato un cestello per i drive da 3,5", acquistabile ora separatamente sullo store, in favore del pratico GPU Holder, una struttura in grado di sostenere le schede video di fascia alta per evitare che il PCB si pieghi sotto il peso dei massicci dissipatori di cui spesso sono dotate.

Un ulteriore cambiamento coinvolge il pannello di I/O che prevede l'aggiunta di quattro porte USB 3.0 a scapito della USB di tipo C e delle due USB 2.0 presenti sul modello precedente, una scelta del tutto comprensibile data la scarsa diffusione, almeno per il momento, di questa tipologia di connessione.

Anche il peso subisce un sostanziale incremento passando da 12 a 13,5 kg, che superano gli oltre venti una volta portata a termine l'installazione, motivo per cui raccomandiamo molta attenzione qualora decideste di spostarlo.

Per portarsi a casa il nuovo Cooler Master MasterCase Maker 5t sarà necessario sborsare 269€, un prezzo ampiamente giustificato dall'aggiunta della coppia di pannelli in vetro temperato e del GPU Holder che, se comprati a parte, ammontano complessivamente a 114€.

La recensione completa è disponibile su Nexthardware.