ASUS ROG CROSSHAIR VI EXTREME - Recensione

Estremamente bella e potente, ecco la mainboard perfetta per postazioni gaming basate su AMD Ryzen.

ASUS ROG CROSSHAIR VI EXTREME - Recensione
di NextHardware

Con la recente introduzione della linea di processori Ryzen 3, AMD ha chiuso il cerchio completando l'attuale famiglia di CPU dotata della rinnovata architettura Zen che, finalmente, potranno rivaleggiare con le controparti Intel su tutti i fronti.

Di pari passo anche l'offerta di mainboard in grado di garantirne il pieno supporto è cresciuta nel tempo, offrendo ai clienti un numero di modelli tali da assicurare loro sempre la soluzione ottimale per qualsiasi tipo di esigenza.

Tra le grandi aziende produttrici ASUS è stata, come sempre, una delle più prolifiche sfornando nell'arco di poco più di sei mesi ben diciassette modelli, di cui cinque appartenenti alla linea ROG, undici alla linea Prime ed una alla serie TUF.

Nel corso della recensione odierna andremo ad analizzare il modello di punta della serie ROG AM4, ovvero la nuova CROSSHAIR VI EXTREME, seria candidata al ruolo di regina fra le mainboard orientate all'overclock dedicate ai processori AMD Ryzen.

Basata sul chipset AMD X370, questa scheda è stata progettata per dare il meglio di sé sia in ambito gaming che in overclock, offrendo agli utenti dediti a questa particolare pratica tutta una serie di accorgimenti come gli specifici pulsanti, i punti di misura delle tensioni onboard e gli switch per abilitare funzionalità utili per gestire al meglio le temperature sotto lo zero.

Una delle peculiarità più interessanti è senza dubbio la predisposizione per il montaggio e la gestione di un monoblocco a liquido dedicato progettato da Bitspower il quale, a differenza di quanto visto sulla MAXIMUS IX EXTREME, non viene fornito in dotazione ma può essere acquistato separatamente.

La scheda utilizza un form factor E-ATX (305x272mm) ed è alimentata da un connettore ATX 24 pin e da due EPS (8 pin + 4 pin).

Decisamente robusta la sezione di alimentazione a 8+4+2 fasi (rispettivamente per CPU, socket AM4 e memorie), denominata Extreme Engine Digi+, che utilizza componentistica di elevata qualità per garantire la massima stabilità in ogni condizione di utilizzo ed una durata superiore alla media.

La scheda, inoltre, offre ben tredici connettori per ventole, ovvero più del doppio rispetto alla CROSSHAIR VI HERO, tutti gestibili attraverso il BIOS UEFI o tramite l'efficiente suite Fan Xpert 4.

Particolare cura è stata posta anche al fattore estetico con un design molto accattivante enfatizzato dal sistema di illuminazione AURA SYNC in grado di gestire al meglio effetti e colori non solo delle varie zone della mainboard previste, ma anche di tre strisce LED acquistabili separatamente collegabili ad altrettanti connettori in dotazione.



Sul fronte della connettività la ROG CROSSHAIR VI EXTREME offre una dotazione completa e all'avanguardia comprendente due porte M.2 PCIe x4, entrambe compatibili con periferiche di tipo M.2 SATA, otto porte SATA III, Wi-Fi 802.11ac, Bluetooth 4.1, una porta Ethernet, un connettore USB 3.1 per due porte frontali, numerose porte USB 3.1, USB 3.0 ed USB 2.0 di cui buona parte sul back panel ed altre ricavabili via header.

Buone le doti di espandibilità che permettono, in virtù dei tre slot PCIe 3.0 x16 offerti, opportunamente distanziati e dotati di tecnologia SafeSlot, di allestire potenti configurazioni SLI o mGPU in grado di soddisfare i giocatori più esigenti.

Per garantire le massime prestazioni in gaming, la ROG CROSSHAIR VI EXTREME è inoltre dotata di un comparto audio e networking di altissimo livello.



Il primo adotta una soluzione SupremeFX S1220, realizzata in collaborazione con Realtek, capace di garantire un rapporto segnale/rumore di 120dB in uscita e 113dB in ingresso, in accoppiata ad un DAC ESS Sabre che supporta la modalità High Definition 7.1 canali e lo streaming multiplo dal pannello frontale e da quello posteriore.



Il secondo è basato su un controller LAN Gigabit Ethernet Intel i211-AT ed un modulo dual band WiFi 802.11ac, entrambi progettati per assicurare prestazioni al top durante le sessioni online con differenze praticamente nulle inerenti al tipo di collegamento utilizzato.



Entrambi i comparti sono assistiti da svariate tecnologie e funzionalità già viste su altri modelli ROG in grado di esaltare al massimo l'esperienza ludica come il software GameFirst IV, la piattaforma OVERWOLF, Sonic Studio III e Sonic Radar III.

Veniamo al dunque …

Dopo averla sottoposta alla consueta interminabile carrellata di test ed averla analizzata nei minimi dettagli, possiamo finalmente trarre le nostre personali conclusioni sulla nuova ASUS ROG CROSSHAIR VI EXTREME.

A nostro avviso si tratta di una mainboard che al momento ha ben poche rivali, potendo offrire ai potenziali acquirenti robustezza, prestazioni e doti di stabilità senza compromessi, grazie all'uso di componentistica e materiali di eccellente qualità, accompagnati da un'attenta progettazione del layout ed una cura maniacale anche per i minimi dettagli.

Particolarmente curato anche il design, in grado di soddisfare sia l'utente serioso poco avvezzo alle attuali tendenze che sembrano quasi privilegiare l'illuminazione alla pura sostanza, che i modder più esigenti dando loro la possibilità di sbizzarrirsi sfruttando la enorme potenzialità offerta dal sistema AURA RGB.

Come sul modello EXTREME dotato di chipset Z270, anche sulla CROSSHAIR VI EXTREME è stata posta una grande attenzione verso uno degli aspetti più delicati per una scheda orientata all'overclock, ovvero quello del raffreddamento.

La predisposizione per il montaggio del monoblocco a liquido dedicato ed un numero interminabile di connettori per ventole, tutti facilmente gestibili sia da BIOS che tramite il software Fan Xpert 4, permette di realizzare il sistema di raffreddamento più adatto alle proprie esigenze, non ponendo alcun limite se non quello dell'eventuale spesa da sostenere.

Per quanto concerne il comportamento sul campo, i nostri test non lasciano adito a dubbi, certificando le capacità di questa mainboard di districarsi al meglio sia in ambito gaming che in quello più specifico dell'overclock.

A tale riguardo la ASUS ROG CROSSHAIR VI EXTREME offre una dotazione molto ricca di funzionalità che, coadiuvate da una sezione di alimentazione di alta qualità e da un BIOS estremamente raffinato e completo, permette all'utente più smaliziato di spingere al limite CPU e RAM.

Altri punti di forza sono rappresentati senza alcun dubbio dalla connettività e dalla espandibilità offerte in virtù di una dotazione ricca e al passo con i tempi con un occhio di riguardo al mondo gaming.

Per quest'ultima tipologia di utilizzo la mainboard offre un comparto audio che non ha nulla da invidiare alle migliori soluzioni discrete, abbinato ad una sezione networking in grado di garantire le massime prestazioni sia sulle reti cablate che in WiFi.

La ASUS ROG CROSSHAIR VI EXTREME è disponibile presso i rivenditori autorizzati ad un prezzo al pubblico di circa 380€, sicuramente elevato per una mainboard AM4, ma a nostro avviso pienamente giustificato dalla qualità e dall'esclusività delle soluzioni offerte.

La recensione completa è disponibile su Nexthardware.