AI al servizio dei prestigiatori

AI al servizio dei prestigiatori
di Ansa

(ANSA) - MILANO, 10 AGO - Non c'è trucco, non c'è inganno: c'è l'intelligenza artificiale ad aiutare i prestigiatori nella creazione di nuovi giochi per l'intrattenimento del pubblico. Grazie ad un nuovo algoritmo, sviluppato dai ricercatori della Queen Mary University di Londra, il computer diventa un vero e proprio assistente mago: una volta connesso a Internet, infatti, può sfruttare le ricerche fatte dagli utenti per capire come la mente umana associa immagini e parole, in modo da ideare nuovi trucchetti da mentalista da proporre agli spettatori. L'algoritmo, presentato sulla rivista Plos One, è una prima dimostrazione pratica di come i computer potrebbero essere impiegati anche nelle attività più creative: sobbarcandosi il lavoro più 'sporco' e pesante, lascerebbero all'uomo la possibilità di dare soltanto il tocco finale. Questo vale anche nel campo della magia e dell'illusionismo, dove c'è bisogno di creare continuamente nuovi giochi.