Scopri le feste di Carnevale più caratteristiche con istella

Nel motore di ricerca sviluppato da Tiscali tutti i festeggiamenti in corso nella penisola

Scopri le feste di Carnevale più caratteristiche con istella
Redazione Tiscali

Ogni anno in Italia nel mese di febbraio si celebrano centinaia di feste di Carnevale. Dalla grande città al paesino più sperduto, è tutto un pullulare di iniziative che hanno come protagonisti assoluti carri allegorici, mascherine, e non di rado una buona dose di satira politica, condita da tanta allegria e spensieratezza.

Su istella, il motore di ricerca completamente made in Italy che valorizza i contributi inviati dagli utenti, si possono trovare tutte le notizie e i dettagli su qualsiasi festa semplicemente digitando i termini carnevale e il nome del luogo in cui si svolge.

L'evento più famoso in assoluto è il Carnevale di Venezia, che ogni anno richiama turisti da tutto il mondo. La festa, dichiarata tale nel 1296 grazie a un editto del Senato della Repubblica Serenissima, è famosa non solo per i bellissimi costumi e le maschere artistiche, ma anche per il Volo dell'Angelo, un percorso effettuato da artisti su una corda dal campanile di San Marco al Palazzo Ducale, sulla piazza gremita di turisti.

Anche il Carnevale di Viareggio, nato il 24 febbraio 1873 (nel giorno di Martedì Grasso), è da annoverare tra i più celebri soprattutto per la presenza di enormi carri allegorici nei quali vengono messi alla berlina con sottile ironia i politici, e omaggiati affettuosamente personaggi dello spettacolo e dello sport.

Ma la palma del più cruento e...doloroso va indubbiamente al Carnevale di Ivrea, dove nel corso di tre giorni vengono furiosamente scagliati, dai cosiddetti "aranceri" a piedi (sprovvisti di alcuna protezione, rappresentanti il Popolo) ben 600 quintali di arance all'indirizzo di 54 carri dove stanno, ben protetti da maschere e imbottiture, una decina di aranceri che sono, però, dalla parte del tiranno. Alla fine della battaglia tutta Ivrea è ricoperta da uno spesso strato di poltiglia di arance che diffonde nell'aria un profumo tipico che rimane per giorni anche dopo la pulizia delle strade.

In Sardegna, invece, il Carnevale più rappresentativo è quello di Mamoiada. I protagonisti qui sono due, i "Mamuthones" (personaggi col volto coperto da una maschera di legno nera dall'espressione indecifrabile, vestiti di pelli scure e con pesanti campanacci sulla schiena) e gli "Issohadores" (vestiti con un corpetto rosso, e maschera e pantaloni bianchi). Questi ultimi hanno il compito di coordinare i Mamuthones durante una lenta marcia, simile a una processione, scandita dal suono dei campanacci, nel corso della quale lanciano delle funi all'indirizzo degli spettatori, così da catturarli, in segno di saluto.

L'elenco potrebbe continuare all'infinito. Scopri questo e gli altri Carnevali su istella!