Come impostare la priorità delle reti Wi-Fi sul cellulare

Soluzioni per Android e iPhone

priorita reti wifi
Redazione Tiscali

Le reti wireless sono ormai dappertutto. Si possono persino utilizzare dei servizi gratuiti, come WifiMap per trovare un hot spot Wi-Fi nelle vicinanze. Se da una parte questa cosa si può considerare positiva, dall'altra significa anche che in certi punti ci sono fin troppi segnali che lottano per avere predominanza nello stesso spazio.

Il vostro smartphone tiene conto di vari fattori come la potenza del segnale, il livello di sicurezza della rete wireless, la stabilità della rete, e poi si collega alla rete Wi-Fi che ritiene sia migliore. Ma in mezzo a tanti hot spot il cellulare può talvolta avere problemi nel decidere a quale rete collegarsi.

Per fortuna è possibile controllare questo processo assegnando una priorità alle reti, assicurandosi che lo smartphone si colleghi alla migliore rete disponibile. Ecco come si può fare, sia su Android che su iPhone.

Dando per scontato che non stiate utilizzando una ROM custom per Android (come la Cyanogenmod, in cui l'impostazione delle rete prioritaria è molto facile), ma semplicemente un Android di fabbrica , questa opzione non è disponibile. Usando delle app esterne, comunque, si può fare la stessa cosa.

Con Tiscali My Mobile Open puoi configurare l'offerta a seconda delle tue esigenze, clicca qui e prova!

 

Wifi Prioritizer, per esempio, è un'app gratuita che permette di impostare la priorità di connessione Wi-fi sui dispositivi Android. Lo fa controllando periodicamente l'intensità del segnale e commuta da una rete all'altra di conseguenza.

Dopo aver installato la app, eseguitela e attivate la voce Enable Scheduled Job. Qui dovreste vedere un elenco di tutte le reti Wi-Fi salvate. Le reti in cima alla lista hanno una priorità più alta di quelle che stanno in basso. Qui potete trascinare le reti nell'ordine in cui volete connettervi.

Di default, effettua la scansione di nuove reti Wi-Fi ogni 60 secondi. Se volete cambiare questo intervallo, toccate il menu overflow e poi Settings. Toccare Refresh Interval e impostate qualsiasi intervallo tra 5 secondi e 30 minuti. Valori più bassi permetteranno una commutazione più rapida, ma al tempo stesso un maggiore consumo di batteria.

Se volete disabilitare temporaneamente Wi-Fi Prioritizer potete portare su off la voce Enable Scheduled Job. Per disabilitarlo del tutto dovrete semplicemente disinstallare la app.

Nemmeno sull'iPhone è possibile impostare una priorità nativa alle reti wi-fi. Se però avete un Mac potete impostare lì la priorità delle reti e poi sincronizzarla col Mac.

Prima di procedere, assicuratevi di registrarvi con lo stesso Apple ID su entrambi i dispositivi, e assicuratevi che iCloud Sync sia attivato. Per verificarlo, aprite le Preferenze di Sistema sul Mac, cliccate su ICloud e assicuratevi che Keychain sia abilitato.

Sull'iPhone aprite Impostazioni e navigate su iCloud>Keychain e attivatelo. Adesso che abbiamo verificato i prerequisiti, ecco come impostare la priorità delle reti sull'iPhone.

Sul Mac cliccate sull'icona della barra dei menu Wi-Fi e cliccate su Apri Preferenze di rete, poi cliccate su Avanzate. Qui dovreste vedere la lista delle reti Wi-Fi salvate. Le reti in cima hanno la priorità su quelle in basso. Potete trascinare le reti nell'ordine in cui volete collegarvi.

Adesso le preferenze dovrebbero essere salvate e sincronizzate senza problemi con l'iPhone. Se riscontrate problemi, assicuratevi di esservi registrati con lo stesso Apple ID su entrambi i dispositivi e che iCloud Keychain sia attivo.