Che cos'è e come funziona la telemedicina?

software telemedicina
TiscaliNews

Da diverso tempo il termine Telemedicina è entrato nell’utilizzo comune, ma moltissimi di noi non sono sicuri di cosa esso significhi realmente. La telemedicina è il complesso di tecnologie e strumenti che riguardano servizi medici, che vanno dalla formazione di un parere durante la consultazione, alla diagnosi, alle prescrizioni, al trattamento e al monitoraggio del paziente, tutti effettuati da remoto tramite una connessione Internet. Ma come funziona effettivamente la telemedicina? E chi ne può usufruire?

La storia della telemedicina
Anzitutto ripassiamo un po’ la storia: la telemedicina, sia pure nella sua forma più primitiva, esiste fin da quando esistono le connessioni remote: negli Stati Uniti già negli anni ’70 alcuni medici usavano un apparecchio televisivo a due vie per inviare i dettagli degli esami neurologici a beneficio dei loro studenti di medicina. Oppure, la NASA fu pioniera nelle ricerche in materia, realizzando sistemi di monitoraggio a distanza delle condizioni cliniche (battito cardiaco e altri valori) degli astronauti impegnati nelle missioni spaziali. Insomma, la possibilità di trasmettere dati via via sempre più sofisticati e in maniera sempre più veloce ha permesso col tempo anche alla medicina di ‘funzionare’ a distanza.

Col tempo, quello che era solo uno strumento per scambiare dati fra ospedali e medici è diventato invece un vero e proprio canale di comunicazione, diagnosi e terapia fra medico e paziente. Tutto questo è agevolato, ovviamente, dalla diffusione capillare di computer, tablet e device portatili, che hanno acquisito funzioni sempre più sofisticate, e da una nuova generazione di sensori connessi in rete che hanno letteralmente popolato le nostre vite. Pensiamo ai misuratori portatili della glicemia comandabili via app, o ai moderni cardiofrequenzimetri da smartphone, oppure alle piattaforme che offrono tool di videoconferenza direttamente con il proprio medico curante e riducono il numero di visite da effettuare di persona o alle cartelle cliniche digitali, una vera e propria documentazione clinica consultabile sempre e ovunque dagli operatori sanitari.

Pro e contro della telemedicina
Per una comprensione migliore della telemedicina è importante, quindi, considerare a fondo i vari pro e contro di questa tecnologia.

PRO
- Un più facile accesso agli specialisti per le consultazioni
- Riduzione dei costi dell'assistenza sanitaria
- Migliore qualità della cura del paziente
- Follow-up che non richiedono un appuntamento di persona, con risparmio di tempo per medici e pazienti

CONTRO
- Non è possibile sostituire completamente gli incontri di persona tra medici e pazienti
- Non tutte le patologie si adattano alla Telemedicina
- Gli investimenti iniziali in tecnologia possono essere elevati
- Resistenza di alcune categorie di medici e pazienti all’utilizzo delle nuove tecnologie


In Italia la telemedicina
si sta diffondendo molto lentamente: molti ospedali hanno dato vita a progetti-pilota e sperimentazioni, tuttavia manca ancora “una piattaforma integrata di conoscenze, competenze e saperi condivisi dagli stakeholder, dalle istituzioni, dagli enti di ricerca e dalle industrie per condividere un processo lungo, ma assolutamente indispensabile in una sanità che sta cambiando", per usare le parole del presidente della Associazione Italiana di Sanità Digitale e Telemedicina. Sono invece molti i software e i tool realizzati da società private in questo campo: la speranza è che – come spesso accade in Italia – il privato funga da traino per il pubblico, soprattutto se si pensa ai notevoli risparmi che la telemedicina potrebbe portare al SSN se fosse adottata in maniera capillare.

Per la gestione della tua piattaforma di Telemedicina scegli UltraFibra Tiscali: verifica qui la copertura del tuo comune!